L’ allergia alimentare è sostenuta da meccanismi immunologici ( IgE mediata). L’ incidenza è stimata del 4-6% , nei bambini 1-2% nei giovani, < 1% negli adulti.
Quando gli allergeni alimentari ( latte , uova, pesce, pomodoro, soia, carni ecc.) vanno a contatto con il nostro Sistema Immunitario  a livello intestinale (cellule immunocompetenti  del GALT) inducono una ” sensibilizzazione” .
Pertanto, alla riesposizione, nel soggetto allergico, si realizzerano  reazioni allergiche per l’ intervento delle Ig E  (reazione tipo I).
I sintomi possono interessare vari apparati : gastroenterico , cutaneo e respiratorio.
Un altro problema molto importante riguarda il fenomeno della cross-reattività  dovuta alla sensibilizzazione a allergeni crossreagenti presenti in alimenti e inalanti che può essere alla base dello sviluppo di allergia alimentare.
L’ allattamento al seno può essere un’ ottima misura di prevenzione soprattutto in bambini a rischio.
Generalmente l’ allergia alimentare esordisce con sintomi gastroenterici accompagnata da manifestazioni cutanee come l’ orticaria/angioedema ma talvolta può essere fatale per possibili casi di anafilassi sistemica con rischio per la vita.